A sinistra il logo dell’OAB e a destra il logo del POE INAF-Osservatorio Astronomico di Brera per la scuola a cura di POE
Numeri utili:
Monica Sperandio (Responsabile POE Merate): 02-72320416
Stefano Sandrelli (Responsabile POE Milano): 02-72320337
Ilaria Arosio (POE Milano): 02-72320304
Centralino Merate: 02-72320500
Centralino Milano: 02-72320300
Sei in: OAB > Scuole > Scuola Secondaria II° Grado> Conferenze

Impariamo ad ascoltare il suono delle stelle

Michele Bossi

luogo: Merate - giorno e orario: vai al link Informazioni e prenotazioni.
Se vuoi stampare questa conferenza vai alla versione di stampa.

Immagine sullo sfondo quadro di Van Gogh in primo piano telescopio VLT.

Descrizione della conferenza:
Come qualsiasi altro oggetto anche una stella è in grado di vibrare.
Può farlo nel modo più semplice, con una pulsazione che alterna successive espansioni e contrazioni che coinvolgono l’intero corpo stellare, oppure oscillando in un insieme virtualmente infinito di modi anche molto complessi.
Per dare almeno un’idea di tali modalità di vibrazione, si prende lo spunto dal comportamento fisico di sistemi, quali gli strumenti musicali, che ci sono certo più familiari.
Di fatto, comportamenti vibrazionali vengono oggi evidenziati in buona parte delle stelle: è anche possibile che il progresso delle nostre tecniche di osservazione ci consentirà un giorno di rivelarli in tutte.
Un pianoforte, un flauto o un tamburo non suonano da soli.
Dal momento che non c'è nessuno a pizzicare le corde delle stelle, è evidente che questi corpi devono essere dotati di qualche meccanismo che permetta loro di mettersi a vibrare da soli: con le basi matematiche e fisiche di cui dovrebbero disporre gli studenti delle scuole secondarie, comprendere il funzionamento di tali motori pulsazionali non dovrebbe essere dopo tutto difficile.
Tra le stelle e la nostra Terra si estendono vasti spazi pressochè vuoti: è chiaro che nessuno può pensare di ascoltare letteralmente il suono da esse prodotto; le distanze rendono d’altra parte quasi sempre impossibile l’osservazione diretta delle loro vibrazioni.
Le tecniche che possiamo impiegare per studiarne in maniera indiretta le caratteristiche costituiscono un altro tema interessante.

Prerequisiti
Per richieste di chiarimenti contattare il relatore Michele Bossi:
e-mail e telefono.

Accessi alla pagina (anno corrente) - Totale: 0 - esterni: - oggi:

accessi pagina