Logo della pagina dedicata alla curiosità del mese

La curiosità del mese

Accessi alla pagina (dal 2009) - Totale: 612 - esterni: 336 - oggi: 0   - Statistica accessi

Se ti piace POSTA questa curiosità: https://goo.gl/s0z3Nd


Perchè la settimana dura sette giorni?

La curiosità del mese di marzo 2014 a cura di Gabriele Ghisellini


Fig. 1 -  Ricostruzione artistica di uno ziqqurat babilonese.
Fig. 1 - Ricostruzione artistica di uno ziqqurat babilonese. Vedi anche Wikipedia.

Quando non c’erano le luci elettriche, e le notti erano buie, l’umanità guardava il cielo per molto più tempo di adesso e lo conosceva molto meglio di noi.
L’impressione di essere sovrastati da qualcosa di grande e maestoso ha fatto sì che il Sole, i pianeti e la Luna fossero identificati con divinità.
Dall’alto degli ziggurat, gli astronomi babilonesi di 4000 anni fa già registravano le posizioni dei corpi celesti, che identificarono con le loro divinità.
Per farlo, inventarono il sistema sessagesimale, che usiamo ancora oggi quando dividiamo un cerchio in 360 gradi, ogni grado in 60 minuti, e ogni minuto in 60 secondi.
Nella ricca Mesopotamia (la terra tra i due fiumi, il Tigri e l’Eufrate), gli astronomi babilonesi, scoprirono che ogni 365 giorni il cielo si ripresentava uguale, e che la luna compiva il suo ciclo in poco più di 29 giorni. E questo ciclo si poteva dividere in 4 parti: luna nuova, primo quarto, luna piena, ultimo quarto, e nuovamente luna nuova.
Era quindi naturale pensare all’anno e al mese come divisioni naturali del tempo.
Scrutando attentamente il cielo ogni notte, si scoprì che c’erano sette corpi che cambiavano posizione rispetto alle stelle fisse.
Erano, e sono, il Sole, la Luna, Marte, Mercurio, Giove, Venere e Saturno.
Cioè i 5 pianeti visibili ad occhio nudo più il Sole e la Luna.

Fig. 2 -  La sequenza dei giorni della settimana si ottiene percorrendo i lati della stella a sette punte della figura
Fig. 2 - La sequenza dei giorni della settimana si ottiene percorrendo i lati della stella a sette punte della figura.

La parola "pianeta" deriva dal greco "planetes asteres", cioè stelle erranti, stelle vagabonde, e il nome includeva anche il Sole e la Luna.
In Mesopotamia, si credeva che gli dei si prendessero cura di ogni giorno, ma a turni di un’ora ciascuno.
Il nome del giorno è derivato quindi dal dio a cui toccava la prima ora.
Naturalmente i nomi degli dei sono cambiati, ma gli dei sono gli stessi: il dio associato alla luna "governava" il lunedì anche nei tempi antichi, il dio associato a Marte il martedì, e così via.
La suddivisione in sette giorni non fu adottata subito da tutti i popoli antichi.
Gli antichi romani, per esempio, suddividevano il mese, che era di 30 o 31 giorni, in nundine che erano di 8 giorni.
Ma già nel primo secolo dopo Cristo la divisione in settimane di 7 giorni era diventata popolare.
I nomi latini dei giorni erano:

  • Dies Saturni
  • Dies Solis --> dies Dominica (giorno del Signore, dopo Costantino, 321 d.C.)
  • Dies Lunae
  • Dies Martis
  • Dies Mercuri
  • Dies Iovis
  • Dies Veneris
Fig. 3 -  Busto dell'Imperatore Costantino.
Fig. 3 - Busto dell’Imperatore Costantino.

Da notare che i Cristiani, all’inizio, onoravano il sabato, come gli Ebrei.
Anche il nome "sabato" è in realtà associato al pianeta Saturno: in ebraico il nome del pianeta è "Shabtai" che significa "pianeta del sabato".
Con il passare del tempo però il giorno dedicato al Signore passò dal Sabato al giorno successivo, per onorare la resurrezione di Gesù.
L’imperatore Costantino (274 - 337 d.C.) nel 313 d. C. diede libertà di culto ai romani, e nel 321 d.C. cambiò il nome del dies Solis in dies Dominica.
Ma se pensiamo all’inglese (Saturday e Sunday) è evidente che nel mondo anglosassone il nome del sabato e della domenica hanno mantenuto l’origine antica.
Anche se non ce ne accorgiamo, i nostri legami con il cielo sono più forti di quanto pensiamo ...

accessi pagina